The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

ART

Archeologia e arte olandese protagoniste di una mostra a Teheran

Record di visitatori per il proficuo scambio interculturale tra le collezioni dei due musei olandese e persiano



Dopo il successo della mostra organizzata dal Louvre a Teheran la scorsa primavera, anche il Drents Museum ha deciso di offrire in prestito parte della propria collezione al National Museum of Iran, complesso nel cuore della capitale composto dal Museo dell’Iran Antico e il Museo dell’era (post) islamica. Inaugurata il 2 ottobre 2018 e chiusa lo scorso aprile, l’affluenza è stato straordinaria: quasi 60.000 visitatori, iraniani e stranieri.

La mostra Dutch Archaeology and Art: Highlights from the Drents Museum è il sugello di uno scambio interculturale che aveva già visto protagonisti le istituzioni culturali dei due paesi. Da giugno a novembre 2018 il museo di Assen, infatti, aveva già ospitato Iran, Cradle of Civilization con più di 200 oggetti in mostra che ora si trovano al museo archeologico di Alicante, nel sud della Spagna.

A Teheran invece, sono in esposizione 331 oggetti: strumenti in pietra, gioielli e mummie. Il tutto è diviso in tre sezioni, archeologia, ceramica e pittura, specialmente quella risalente al periodo tra il XVIII e il XX secolo. Tra le opere ad aver lasciato il territorio olandese per la prima volta, ci sono dipinti di George Lourens Kiers, Egbert van Drielst e Julius van de Sande Bakhuyzen.

Harry Tupan, direttore del Drents Museum, lo scorso marzo ha fatto visita al museo di Teheran. Si è dichiarato molto entusiasta per questa opportunità: ritiene anche questa cooperazione tra Iran e Paesi Bassi sia unica, vada preservata e rafforzata.

Una collaborazione che sta dando i suoi frutti: oltre a rendere omaggio alla storia persiana, il museo olandese ha anche ricevuto un premio. Il 12 marzo a New York, infatti, gli è stato conferito il prestigioso Global Fine Art Awards New York.



31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!