The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

Apple sotto indagine, rischiano le app nel negozio digitale?



Possibili grane in vista per Apple. Come riporta NOS, l’ACM (l’associazione per i consumatori olandese) vuole promuovere un’indagine per assicurarsi che Apple non abbia violato i termini di concorrenza favorendo le proprie app sull’AppleStore.

“Tra le altre cose, l’ACM indagherà se Apple ha violato il divieto di abuso di una posizione dominante, ad esempio favorendo le proprie app”, fa sapere l’ACM in un comunicato stampa.

Apple è accusata di favorire i propri sviluppatori e le proprie applicazioni a discapito di quelle provenienti da altre piattaforme, come GooglePlay.

L’ACM sottolinea che i produttori di app devono fare i conti con due sistemi diversi per far pagare gli abbonamenti, uno per l’AppleStore e l’altro per GooglePlay. Inoltre devono anche pagare una commissione del 30% nel primo anno.

I produttori di applicazioni si lamentano del fatto che non possono sempre utilizzare tutte le funzionalità dell’iPhone. Dicono anche che ci sono stati problemi nel comunicare con Apple e Google sull’applicazione dei termini. Questo renderebbe tutto più complesso per chi produce app.

L’annuncio di questa indagine arriva poche settimane dopo la denuncia presentata contro Apple da Spotify. L’accusa mossa dalla famosa app per la musica è la stessa, quella di abuso della posizione dominante sul mercato. Le due indagini andranno a completarsi, ma saranno svolte separatamente.

Spotify si preoccupa principalmente del fatto che sarebbe costretto ad aumentare il suo prezzo di abbonamento, perché Apple chiede il 30% di commissioni nel primo anno (dal secondo anno che sarà del 15%).

Ancora non si hanno informazione precise nè su quanto durerà l’indagine nè su quali saranno le conseguenze nel caso in cui Apple venga in effetti trovata colpevole. Probabilmente potrebbe venire applicata una multa calcolata su una percentuale del fatturato.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!