CoverPic@Spotter2 | Source: Wikimedia | License: CC 4.0

Uno scavo archeologico ad Adegem, nel comune di Maldegem nelle Fiandre orientali, ha rivelato per la prima volta i resti di una strada romana che portava da Anversa alle Fiandre occidentali.

Gli storici sapevano dell’esistenza della strada, ma questa è la prima volta che emergono prove concrete. La strada che collegava Anversa ad un importante accampamento romano è stata scoperta durante la costruzione di un nuovo supermercato, in quello che oggi è Oudenburg (“Old Fort”) fuori Ostenda.

La scoperta è avvenuta durante l’esame archeologico obbligatorio del sito che precede la costruzione di un nuovo edificio. Per gli archeologi che hanno esaminato il sito prima della costruzione, non è stato difficile trovare i resti romani.

“Il sito si trova vicino alla Strada Nazionale 9 e avevamo grandi aspettative – dice l’archeologo Johan Hoorne –  È una grande notizia che queste aspettative siano state soddisfatte!”

Ad Adegem si incrociavano due importanti strade romane. Da un lato il collegamento nord-sud da Kerkhove, appena al di là del confine provinciale nelle Fiandre occidentali, fino ad Aardenburg (“Earth Fort”) nelle Fiandre zelandesi (Paesi Bassi). E poi la strada che porta da Anversa a Oudenburg.

Le strade romane nelle zone sabbiose sono meno documentate di quelle in pietra, ma questo non le rende meno importanti”. Ciò che è stato trovato, presto scomparirà sotto il nuovo supermercato, ma gli archeologi sono desiderosi di documentare la loro scoperta il più possibile.

“Stiamo scattando foto, disegnando una planimetria del sito e prelevando dei campioni.  Stiamo scavando l’intero sito e rimuovendo tutti i reperti” dice ancora Johan Hoorne. I costruttori avranno campo libero una volta completato il procedimento. La strada non sarà visibile ai posteri: i visitatori potranno solo ammirare le fotografie. “La strada continua per un bel tratto” dice Johan Hoorne. “Sarebbe stata una bella sfida scoprirla interamente. Le nostre scoperte saranno di grande valore per la mappatura dell’economia romana dell’epoca e per stabilire l’aspetto del paesaggio”.