The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

WEB SERIES

Anne Frank, da scrittrice a vlogger. Su Youtube la serie in 15 episodi



Anne Frank ci parla della sua reclusione, non ci scrive. Il videodiario di Anne Frank è un’iniziativa promossa dalla Fondazione Anne Frank e Every Media, che punta ad attrarre un pubblico giovanile e ad avvicinarlo alla storia della ragazza di origini ebraiche vittima dello sterminio nazista. 

Pubblicata su YouTube, la serie Anne Frank video diaryformata da 15 episodi, racconta la vita di Anne dal 29 marzo al 4 agosto 1944, il giorno in cui la ragazza è stata costretta a lasciare Amsterdam e portata ad Auschwitz. 

Nella serie, la protagonista, invece di descrivere le sue emozioni e paure nelle lettere rivolte all’amica immaginaria Kitty, utilizza una videocamera per registrare ciò che stava accadendo intorno a lei. 

Secondo quanto riportato a NOS dal direttore della Fondazione Anna Frank, “questa nuova rappresentazione della storia di Anne è un metodo per avvicinare i giovani in un periodo nel quale leggere è diventato meno comune”. 

Anne è interpretata nella serie da Luna Cruz Perez. La tenera età dell’attrice – Luna ha infatti 13 anni, come Anne quando ricevette in dono il diario – e l’originalità di raccontarsi tramite dei video fa si che la serie risulti più realistica, personale e attragga così più coetanei. Infatti, secondo Leopold “Luna invita il pubblico a connettersi con lei in maniera molto diretta. É un modo accattivante e nuovo per raccontare una storia diventata così tristemente famosa”.

Inoltre la serie, disponibile sottotitolata in inglese, spagnolo, tedesco e portoghese, e pubblicata online quando molti ragazzi in giro per il mondo sono costretti a stare chiusi in casa, può offrire degli spunti sulla reclusione e permettere ad alcuni di identificarsi di più con Anne. 

La stessa Jacqueline van Maarsen, ai tempi amica stretta di Anne Frank, pensa che “rimpiazzare il diario con una videocamera farà capire meglio ai giovani cosa voleva dire vivere in quel periodo e permetterà loro di immedesimarsi meglio in Anna”. Jacqueline, entusiasta, ha poi aggiunto: “Ho avuto bisogno di un po’ di tempo per abituarmi all’idea, però penso che sia positivo adattare la storia di Anne Frank all’epoca moderna”.

Attualmente solo due episodi, dei 15 in programma, sono disponibili sul canale YouTube della Fondazione Anna Frank. Ogni lunedì e giovedì ne verranno però aggiunti altri.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!