The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Ancora folla per lo shopping, negozi chiusi prima a Dordrecht, Rotterdam ed Eindhoven

Sabato pomeriggio, a Dordrecht, Rotterdam ed Eindhoven, i negozi hanno dovuto chiudere prima perché le

“È troppo affollato nel centro di Dordrecht. Non venite più!”, Ha twittato il sindaco Kolff poco prima delle 15.30. Da quel momento in poi, i negozi hanno dovuto bloccare l’accesso a nuovi clienti e prepararsi per la chiusura

All’inizio del pomeriggio, i sindaci di Rotterdam ed Eindhoven avevano già deciso che i negozi dovevano chiudere in anticipo. A Eindhoven, i negozi non potevano più far entrare nuovi clienti dalle 15:00 e hanno dovuto chiudere i battenti alle 16:00.

Secondo Jorritsma, sindaco di Eindhoven, non si spiega perché la gente non rispetti l’invito dei comuni a non recarsi nelle vie dello shopping, se l’invito è proprio quello di rimanere alla larga.

Jorritsma vuole consultarsi lunedì con i presidenti del Comitato di sicurezza su come coordinare meglio le misure. “Vogliamo evitare che si sviluppi un effetto letto ad acqua; quello che regoli qui in questa regione ha effetti in un’altra regione. Per quanto mi riguarda, significa che i negozi devono chiudere il sabato pomeriggio alle 16.30. La domenica non si fa più shopping; non possiamo prendere mezze misure. ”

Anche a Utrecht, Apeldoorn, l’Aia e Leiden è stato necessario contingentare le presenze oppure obbligare i negozi a chiudere.

Numeri anomali sono stati registrati a Maastricht e Breda, probabilmente a causa di frontalieri belgi: nel loro paese, infatti, le attività “non essenziali” sono ancora chiuse e molti hanno deciso di recarsi nei Paesi Bassi per lo shopping.