Anche a Rotterdam, nuovi centri di raccolta per il fast delivery non saranno consentiti, dice NOS. Dal loro arrivo in città a metà dell’anno scorso, i residenti hanno lamentato marciapiedi bloccati e inquinamento acustico. La scorsa settimana, lo stesso divieto era stato introdotto anche ad Amsterdam.

Dato che i servizi di consegna rapida promettono di consegnare la spesa entro 10 minuti, i loro centri di distribuzione si trovano il più vicino possibile ai clienti, spesso nel mezzo di strade principali e aree residenziali.

Il consiglio comunale di Rotterdam ha approvato oggi la decisione di rivedere il prossimo anno se e a quali condizioni verranno consentiti nuovi centri di distribuzione.  

Rotterdam attualmente non ha abbastanza opzioni per regolare i centri di distribuzione: secondo il comune, si presentano come negozi quando in realtà sono centri di distribuzione. Anche altri comuni, tra i quali L’Aia, annunciano di voler seguire la stessa strada.