The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

Amsterdam vieta la vendita di alcolici nei weekend

In una delle zone turistiche più trafficate di Amsterdam la vendita di alcolici durante i fine settimana verrà limitata, come previsto dalle misure anti-covid della capitale. Da questo fine settimana nella zona di Wallen, nota per il suo quartiere a luci rosse, non si potrà più vendere alcolici dalle 16:00 a mezzanotte, tra giovedì e domenica.

Gli alcolici saranno ancora disponibili in bar e ristoranti. Il sindaco della città, Femke Halsema, ha affermato che la regola è stata progettata per dissuadere le grandi folle dal radunarsi nelle strade e bere ora che i turisti stanno tornando in città.

Per evitare un nuovo lockdown

Anche se alcuni negozianti hanno affermato che questa misura rende difficile la loro riapertura dopo il lockdown, molti si trovano d’accordo sul mantenere il distanziamento sociale.

“È estremamente importante che le persone mantengano le distanze tra di loro, Amsterdammer e turisti internazionali, sia nelle strade che nei bar e nei ristoranti”, ha detto Halsema. “Un nuovo lockdown è l’ultima cosa che vogliamo”.

Altre nuove regole per ridurre la congestione della strada in città includono il sistema a senso unico nei weekend, sulla via dello shopping di Kalverstraat, e il “divieto di performance” agli artisti di strada. Le misure servono ad impedire l’affollamento e rimarranno in vigore fino alla fine di agosto.

Amsterdam ha anche lanciato una campagna in olandese, inglese e tedesco per sollecitare gli escursionisti e i visitatori che vengono in giornata a viaggiare durante la settimana, per evitare concentrazioni di turisti nei weekend.

Tuttavia alcuni imprenditori nel Wallen non sono soddisfatti delle regole. “Non puoi trattenere la folla in questo modo”, ha detto a Het Parool Henry Lee del World Wide Supermarket di Lange Niezel. “Potrebbero anche vietare del tutto i turisti a questo punto. Non vendiamo nulla da mesi, le nostre vendite si sono dimezzate. Questo divieto che durerà fino al 1° settembre renderà il tutto ancora più difficile per noi”