La polizia di Amsterdam ha scritto sabato mattina di aver fermato un’auto piena di turisti con multe in sospeso per quasi 2.200 euro. Il veicolo sarebbe stato sorpreso, in passato, quattro volte mentre superava il limite di velocità, ma il proprietario non ha mai -effettivamente- pagato le multe, scrive AD.

Il conducente ha pagato le multe, temendo la confisca del veicolo. La storia esce proprio in concomitanza con la polemica, sollevata in consiglio comunale dai Cristiano-democratici CDA, a proposito delle multe non pagate dai turisti: secondo il Parool, la metà delle multe a targhe straniere non vengono poi saldate.

L’anno scorso sono state inflitte duemila multe a visitatori stranieri per ragioni diverse, non solo legate al traffico: ubriacatura molesta, urinare in pubblico oppure per aver dormito in auto. Di queste, solo il 47% è stato riscosso. Stando al Parool, i lettori digitali per carte in dotazione agli agenti consentirebbero di riscuotere la sanzione subito, evitando il rischio di multe inviate e mai saldate.

Un funzionario di Amsterdam, il difensore civico Arre Zuurmond, ha suggerito che la città collochi ganasce sulle ruote dei trasgressori con targhe straniere per costringere le persone a pagare prima di poter spostare i loro veicoli.