Amsterdam non è sinonimo di Olanda, nonostante gli spot rivolti ai turisti del Netherlands Bureau of Tourism and Congresses. “Due foto su tre del loro sito sono dedicate a Amsterdam” ha detto il parlamentare del progressista D66 Jan Paternotte, criticando duramente l’ente governativo, scrive l’Het Parool.

L’afflusso eccessivo di turisti crea effetti perversi sulla città di Amsterdam che invece beneficerebbe da una rimodulazione più equilibrata degli arrivi, magari verso altre destinazioni meno mainstream ma altrettanto interessanti.

Come Leeuwarden nella provincia settentrionale del Friesland che nel 2018 diventerà capitale culturale, offrendo eventi e appuntamenti di primo livello durante tutto l’anno, dice il deputato già consigliere comunale nella capitale.

Per ottenere l’obbiettivo di sollevare Amsterdam dagli arrivi in eccesso, un contributo importante, secondo Paternotte potrebbe venire anche dall’immagine veicolata dagli spot pubblicitari nel resto del mondo: insomma, meno Amsterdam, più Paesi Bassi.