The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Amsterdam, traffico limitato agli scooter da gennaio. Fuorilegge immatricolati prima del 2010

Il comune metterà a disposizione dei "check point" per verificare i permessi fino al 27 dicembre



A partire dal 1 gennaio, gli scooter immatricolati prima del 2010 non saranno più ammessi nell’area a traffico limitato del centro di Amsterdam. Il comune ha installato dei sistemi di verifica dell’immatricolazione degli scooter in sei punti della città, così che i guidatori sappiano in anticipo se saranno ammessi o meno nella zona ambientale il prossimo anno.

I “check point” dell’immatricolazione saranno in funzione fino al 27 dicembre. I conducenti di scooter potranno anche controllare il loro numero di registrazione sul sito web del comune. La zona a traffico limitato è una delle misure adottate dal comune di Amsterdam per ridurre le emissioni in città.

“Stiamo facendo tutto il possibile per rendere più pulita l’aria di Amsterdam”, ha affermato l’assessore alla sostenibilità Abduleheb Choho in un comunicato stampa. “Questo include anche misure spiacevoli, come restrizioni alla circolazione degli scooter. Avvisando per tempo chiunque abbia un mezzo che non rispetta il limite massimo di emissioni, cerchiamo di far sì che l’introduzione delle restrizioni crei il minor disturbo possibile.”

I punti di verifica sono posizionati a Michiel de Ruijterkade, Stadshouderkade, Sarphatistraat, Hoofddorpweg, Haarlemmerweg e Weteringschans. Se uno scooterista passa su uno di questi “check point”, un segnale gli indicherà se saranno autorizzati o meno a circolare nel centro in futuro.

Il comune ha inoltre inviato lettere a 55 mila proprietari di scooter in tutta la capitale, per informarli dell’entrata in vigore della zona protetta. Tra il 1 ° gennaio e il maggio, i conducenti dei vecchi scooter che entreranno nell’area riceveranno un primo avvertimento. Dopodiché, inizieranno a ricevere multe da 90 euro.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!