The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Amsterdam, stop alle manifestazioni in piazza Dam al tempo del Covid

Il comune di Amsterdam non permetterà più dimostrazioni in Piazza Dam per tutta la durata della pandemia, ha spiegato in una lettera la sindaca Femke Halsema.

Il comune di Amsterdam ha deciso di non permettere più manifestazioni a piazza Dam dopo l‘evento dello scorso lunedì che ha visto circa 5.000 manifestanti affollare la piazza, rendendo impossibile il rispetto del distanziamento sociale.

Halsema ha annunciato la decisione di vietare le manifestazioni in piazza Dam in una lettera destinata agli organizzatori di un’altra iniziativa, che avevano richiesto l’autorizzazione per manifestare a favore dell’accoglienza dei bambini richiedenti asilo provenienti dai campi profughi greci. Ora, come riporta NOS, dovranno accontentarsi di Museumplein.

La decisione è stata presa dall’equivalente olandese del Comitato per l’ordine e la Sicurezza composto dalla sindaca, il capo della polizia e il procuratore capo. Il Comitato considera non auspicabili le manifestazioni in Piazza Dam, ha spiegato Halsema, aggiungendo che questa decisione non è stata presa alla leggera, visto il significato simbolico della piazza più famosa dei Paesi Bassi. “Il rischio che l’afflusso a una manifestazione cresca rapidamente è troppo alto, perché i passanti possono decidere di aderire spontaneamente. Inoltre, la polizia ha recentemente dimostrato di non essere sufficientemente in grado di stimare il numero previsto di manifestanti”.

Nel frattempo, ieri si è svolta ad Arnhem un’ulteriore protesta per il Black Lives Matter. Il sindaco Ahmed Marcouch ha riferito che il numero massimo di partecipanti era fissato in 500 e tutti dovevano indossare le mascherine.