NL

NL

Amsterdam, stagista 17enne ucciso a colpi di pistola nel 2018. Inizia oggi il processo

È iniziato il processo per l’omicidio di Mohamed Bouchikhi, uno stagista di soli 17 anni, avvenuto nel gennaio 2018 presso un centro sociale nel quartiere Wittenburg di Amsterdam. Il giovane era stato vittima di uno scambio di persona, dice NOS. I sospetti Emylio G. (30) e Randall D. (41) sono ritenuti responsabili della sua morte dal Pubblico Ministero.  

Il processo, che si sta svolgendo presso il tribunale di Amsterdam, vede imputati diversi individui accusati di omicidio, tentato omicidio e partecipazione a un’organizzazione criminale. I testimoni oculari, le prove forensi e le testimonianze degli accusati e dei testimoni sono fondamentali per ricostruire gli eventi di quella tragica giornata e per stabilire le responsabilità.

Bouchikhi era appena andato a fare shopping e gli esecutori avevano probabilmente preso di mira un altro, il 19enne Gianni L., che qualche mese prima era stato bersaglio di una sparatoria nello stesso quartiere. È rimasto ferito, così come una 20enne che era dietro il bancone.

Randall D. è stato arrestato a Curaçao nel 2021 mentre Emylio G. era già stato arrestato nel 2020. Il processo riguarda anche due esecuzioni nel circuito penale. Randall D. è sospettato dell’omicidio del criminale Lucas Boom il 9 giugno 2015 a Zaandam, ucciso in pieno giorno accanto a un edificio scolastico. 

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli