Gli ispettori del ministero dell’istruzione hanno lanciato un’altra inchiesta nell’unico istituto islamico di Amsterdam per accertare se un’alunna ha davvero filmato un docente in classe.

Due settimane fa è stato fatto trapelare un film a Het Parool in cui un insegnante del Liceo era stato presentato da un predicatore salafista, Fouad el Bouch, ai bambini. El Bouch è una delle numerose figure religiose nominate in un recente rapporto del servizio di sicurezza AIVD che avrebbe influenzato il curriculum scolastico dell’istituto, sebbene gli ispettori dell’istruzione non abbiano trovato prove a supporto di questa affermazione.

Soner Atasoy, direttore del Liceo, ha detto che l’ultima indagine è stata lanciata quando la madre di una ragazza della scuola ha affermato che la figlia era stata sospesa per aver fatto il film. La donna ha detto che le accuse contro la figlia erano false.

Atasoy sostiene che i filmati delle telecamere di sicurezza hanno identificato la ragazza come colei che ha realizzato il film; in seguito, sua madre l’ha ritirata spontaneamente da scuola. L’ispettore dell’istruzione non ha commentato i motivi della sua indagine.

L’Imam radicale britannico Haitham al-Haddad, tra gli altri, che è stato criticato per le sue opinioni sugli ebrei, l’omosessualità e le mutilazioni genitali femminili è tra le figure controverse che ruotano intorno all’istituto . All’inizio di quest’anno, il sindaco della città Femke Halsema ha congelato tutti i finanziamenti alla scuola ma gli ispettori dell’istruzione hanno concluso in un rapporto il mese scorso che non c’erano prove concrete del fatto che la scuola stesse indottrinando gli alunni.