Il consiglio comunale di Amsterdam ha concordato di restituire un dipinto di Wassily Kandinsky venduto durante l’occupazione nazista alla famiglia del suo precedente proprietario di origine ebrea, concludendo una discussione legale durata nove anni.

Un tribunale olandese ha stabilito nel dicembre 2020 che lo Stedelijk Museum aveva il diritto di conservare l’opera del 1909, Bild mit Häusern, per il suo “importante valore storico artistico”. La corte ha confermato una decisione del Comitato per le Restituzioni, che ha anche affermato che la città aveva acquistato il dipinto nel 1940 in buona fede.

Il sindaco Femke Halsema e l’assessore alla cultura Touria Meliani hanno dichiarato in consiglio di non essere disposti ad attendere l’esito di una rivalutazione da parte della commissione alla luce delle nuove linee guida sull’opera d’arte contesa.

“Considerando da quanto va avanti la vicenda e l’importanza di porre rimedio all’ingiustizia, restituiremo il lavoro senza aspettare il coinvolgimento del Comitato per le Restituzioni’, hanno scritto Halsema e Meliani in una lettera.

Il dipinto fu acquistato all’asta nel 1940 per 160 fiorini. Fu venduto da Robert Lewenstein, il cui padre, Emanuel, era proprietario di una fabbrica di cucito e un collezionista d’arte che lo aveva acquistato a sua volta nel 1923.

 

La famiglia Lewenstein ha affermato di essere caduta in difficoltà finanziarie sotto l’occupazione nazista e di aver venduto il lavoro sotto costrizione, ma il comitato crede che le difficoltà fossero già presenti prima dell’invasione.

Simon van der Sluijs, dello studio legale di famiglia, ha dichiarato a DutchNews.nl:“Siamo molto felici di questa decisione. Lo vediamo come una forma di ingiustizia storica che ora viene corretta, e non capita spesso di avere la possibilità di farlo.

“Purtroppo, a febbraio, una delle eredi è morta e il processo è in corso dal 2013,  è dunque un peccato che non sia riuscita a vederne la conclusione “.

Negli ultimi anni il Comitato per le Restituzioni aveva affrontato crescenti critiche per aver rifiutato di restituire diverse opere d’arte rubate ai parenti dei loro precedenti proprietari perché gli interessi dei museo che li costudivano prevalevano.

La decisione della corte dello scorso dicembre è stata una sorpresa perché sembrava contraddire un report pubblicato lo stesso mese dall’ex ministro degli Interni Jacob Kohnstamm, secondo il quale il processo di valutazione del comitato era “ingiusto in principio”.

La sentenza del tribunale Kohnstamm, il ministro della cultura Ingrid van Engelshoven ha affermato che al comitato non sarà più consentito giustificare il mantenimento delle opere d’arte sulla base del loro significato culturale e che dovrà concentrarsi sulla “riparazione dell’ingiustizia”.

La famiglia ora deve decidere se il Kandinsky, che ha un valore stimato di 20 milioni di euro, rimarrà in mostra al pubblico.