La piscina sulla terrazza potrà essere costruita e la costruzione della Soho House nell’ex Bungehuis può continuare. Il Raad van State, il Consiglio di Stato lo ha deciso dopo anni di battaglia legale.

Nel 2015 la società che aveva acquistato dall’UvA l’edificio storico su Spuistraat, l’aveva poi ceduto al gruppo Soho, una catena di hotel di lusso aperti solo a soci che cercava una sede nel cuore della capitale.

La decisione, supportata da una delibera del consiglio comunale contraria allo stesso regolamento del Gemeente che blocca la costruzione di nuovi hotel in centro, ha scatenato la furia dei residenti che hanno iniziato una lunga battaglia legale.

Perchè il comune ha violato le sue stesse regole? Stando alla delibera approvata nel 2014, lo stop a nuovi hotel può essere scavalcato se il progetto è “indipendente e porta un valore aggiunto al quartiere”.

I residenti hanno vinto il primo round in tribunale ottenendo uno stop ai lavori ma l’appello ha alla fine dato ragione al gruppo Soho. La decisione di primo grado è stata quindi annullata.