L’ex avvocato Frank Bakker ha intentato una causa contro il sindaco di Amsterdam per forzarlo a prendere iniziativa contro i ciclisti indisciplinati che, sfrecciando nel traffico cittadino di Amsterdam -dice- la renderebbero una giungla ha detto l’uomo al quotidiano Parool.

Bakker si aspetta che il sindaco istruisca la polizia a regolamentare più rigidamente la viabilità dei ciclisti. “Se io, guidando l’auto, attraversassi col rosso, pagherei una multa di €280” spiega al Parool. “Ma ciò non vale per i ciclisti in coda allo stesso incrocio. Questo non è giusto.”

L’uomo argomenta inoltre che l’incremento di popolazione all’interno della città – di cui, tra i 12.6 milioni di olandesi, molti sono turisti – ha peggiorato il problema.

Secondo il quotidiano della capitale, Saskia Kluit, direttore dell’Unione Ciclisti Olandesi, ha risposto all’azione intrapresa dal cittadino esasperato, sostenendo che le infrazioni stradali dovrebbero essere punite con maggiore serietà in proporzione al grado di pericolosità.

“E’ ormai sport nazionale lamentarsi dei ciclisti, ma non sono le infrazioni su due ruote la causa principale degli incidenti” avrebbe detto.