The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

RIGHTS

Amsterdam, protesta contro i campi gay in Cecenia

Più di 500 persone, mercoledì sera si sono riunite presso il monumento gay di Amsterdam per mostrare il loro orrore verso i "campi gay" in Cecenia

en

Mercoledì 19 aprile, il consigliere Eric van der Burg, durante una protesta nella capitale contro i campi gay in Cecenia, ha sollecitato il comune di Amsterdam affinché chieda al governo olandese di ammonire la Russia per la questione dei campi, dove diversi omosessuali sono tenuti in ostaggio. Secondo quanto riportato da ANP, Amsterdam vuole anche che il segretario di Stato Klaas Dijkhoff cambi la politica di asilo per gli uomini LGBT ceceni.

Più di 500 manifestanti, mercoledì sera, si sono riuniti presso il monumento gay di Amsterdam per mostrare il loro orrore verso i “campi gay” in Cecenia. Anche altre città europee, come Milano e Londra, hanno fatto sentire le loro voci.

L’allarme è arrivato dall’organizzazione per i diritti umani “Amnesty International”, la settimana scorsa. Fonti indipendenti provenienti dai media russi hanno riferito che uomini gay sono stati rinchiusi nei campi della repubblica russa autonoma, dove sono stati torturati. All’inizio di questo mese c’erano anche rapporti sul fatto che il governo ceceno stesse dando la caccia agli omosessuali.

Le autorità cecene negano che ci siano omosessuali che vivono lì e che vengono perseguitati. “Non si può arrestare chi non esiste”. Secondo NU.nl, il governo russo sostiene inoltre di non essere a conoscenza di azioni contro gli omosessuali nel loro territorio.

All’inizio di questa settimana, il ministro del commercio estero e dello sviluppo Lilianne Ploumen, ha chiesto all’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) di indagare sulla situazione in Cecenia.