Le domande per il “posto di sindaco di Amsterdam” devono essere riaperte perché i candidati attuali non soddisfano i requisiti decisi dal consiglio comunale. Ad oggi sarebbero 29 i candidati, tra i quali 9 donne ma solo 4 di loro avevano le caratteristiche richieste.  Il comitato che dovrà prendere la decisione, allora, ha ritenuto opportuno estendere i termini per la presentazione della domanda, scrive il Parool.

Tempo, allora, fino al 2 giugno, nella speranza di attirare candidati più idonei tra cui scegliere. La descrizione ufficiale della posizione richiedeva un sindaco con molta esperienza manageriale, senso dell’umorismo e qualcuno che fosse in grado di esprimere chiaramente la propria visione politica.

Si è parlato molto su chi potesse essere la candidata o il candidato a questa posizione e un sondaggio del quotidiano Parool ha indicato la preferenza dei lettori per Wouter Bos, ex leader laburista e grande artefice dell’operazione EMA, seguito da Femke Halsema, intellettuale ed ex leader del Groenlinks e Khadija Arib, l’attuale presidente della Camera. parlamento, era alle sue calcagna. Ciascuno ha attirato circa il 14% dei voti.

Nei Paesi Bassi, i sindaci non vengono eletti direttamente ma nominati da una commissione governativa su suggerimento del Consiglio comunale.