Il Consiglio Economico di Amsterdam ha annunciato una nuova partnership, con il servizio taxi Uber. I partiti di sinistra PvdA e SP hanno espresso critiche all’indirizzo di questa decisione e presenteranno un’interrogazione al Consiglio, riferisce il quotidiano Het Parool.

L’obiettivo del Consiglio Economico di Amsterdam è quello di migliorare l’innovazione e la cooperazione tra le imprese, le istituzioni della conoscenza e il governo. L’organizzazione comunale intende rendere Amsterdam una delle tre regioni più innovative d’Europa entro il 2025. Diretta dal sindaco di Amsterdam Eberhard van der Laan, Geert ten Dam, il presidente del consiglio direttivo dell’Università di Amsterdam e gli amministratori delegati di Randstad , Schiphol e Shell.

Secondo PvdA e SP, Uber non dovrebbe essere considerato per partnership, a causa dei numerosi scandali che hanno travolto, in questi anni, la compagnia. “Nei Paesi Bassi abbiamo avuto enormi problemi con questa società: i driver illegali di Uberpop, i contratti di Ubereats, senza contrare l’evasione fiscale internazionale e la violazione delle norme sulla privacy di Apple.

Questa manovra è semplicemente troppo assurda per un commento”  ha detto al Parool il consigliere laburista Dennis Boutkan. “Uber non è un esempio di buon datore di lavoro”.

Boutkan ha aggiunto che Uber probabilmente ha accettato la partnership solo per migliorare la sua immagine pubblica.