NL

NL

Amsterdam non è più la capitale mondiale per le biciclette. Come riguadagnare il primo posto?

Secondo diverse classifiche mondiali sulle città più “friendly” per le biciclette, Amsterdam è stata certamente superata da Copenaghen ultimi anni, dice AT5.

Per molti anni, riviste, società di consulenza e compagnie di assicurazioni di tutto il mondo hanno stilato liste e Amsterdam le ha dominato tutte. Ma dal 2015, quando la rivista Wired ha designato Copenaghen come numero uno, “non siamo più soli al vertice”, scrive il portale.

“Forse perché siamo diventati una città troppo affollata di biciclette”, spiega ad AT5 Marjolein de Lange, esperta del settore. De Lange spiega che Amsterdam è partita subito alla grande come città delle biciclette: con distanze brevi e un territorio pianeggiante le biciclette hanno attecchito subito in Olanda. Arrivarono nei Paesi Bassi negli anni ’20 dalla Germania, che all’epoca era in crisi. “È stato il primo mezzo di trasporto che le persone potevano acquistare da sole. Le auto erano rare, mentre le biciclette attiravano un pubblico più ampio”.

La bicicletta era così popolare che fu considerata nel piano di espansione della città del 1935 e le nuove zone come Buitenveldert e Bos en Lommer vennero pensate per essere a trenta minuti di pedalata dal centro, in modo che le persone potessero raggiungere il lavoro entro quel tempo.

E la guerra auto-ciclisti non è qualcosa di oggi: negli anni ’70 divenne popolare Stop de Kindermoord, “Basta massacro di bambini”, un movimento che lottava contro le morti su due ruote causate dalle automobili. L’Olanda aveva il più alto numero di bambini morti in incidenti stradali in Europa e questo spinse molte persone a mobilitarsi.

Ora, tuttavia, Amsterdam è di nuovo piena e insicura per i ciclisti.

A Copenaghen pedalare è più rilassante che ad Amsterdam, spiega AT5 che ha intervistato un olandese di base nella capitale danese, occupato proprio nel settore ciclabile: tra i fattori di successo, spiega Passet, c’è anche lo spazio per le biciclette. Nonostante ci siano meno chilometri di piste ciclabili a Copenaghen rispetto ad Amsterdam, le piste sono molto più larghe in alcune zone.

In breve: Copenhagen ha più spazio di Amsterdam e questo rende la vita dei ciclisti più semplice. E i ciclisti danesi sono molto più “disciplinati” degli olandesi: 1 su 3 indossa il casco e si preoccupa molto degli altri ciclisti intorno.

 

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli