NL

NL

Amsterdam, niente cani nel project space abitativo: il giudice dà ragione alla società immobiliare. Ma no a multe

Foto di Rebecca Schönbrodt-Rühl da Pixabay

Un residente di un appartamento in affitto ad August Allebéplein a Nieuw-West non può più vivere con il suo cane. Il tribunale distrettuale si è pronunciato questa settimana a favore dell’associazione immobiliare Change=, dal quale l’inquilino affitta un immobile all’interno di un concept che offre a “young professionals”  appartamenti di 30 mq in complessi privati, con spazi comuni, zona per lavorare etc. Gli appartamenti del complesso sono circa 498, dice AT5.

Già l’accordo prevedeva il divieto di possedere e tenere cani e gatti «a causa della densità di popolazione del complesso e della piccola area di utenza della casa». e questo è anche indicato nelle regole della casa. Sono ammessi solo uccelli e pesci, a condizione che gli altri inquilini non ne siano infastiditi. Il contratto di locazione prevedeva anche una multa di 25 euro al giorno per chi non avesse adempiuto all’obbligo.

Durante l’udienza, l’inquilino ha sottolineato che si trattava di un cane di piccola taglia, al quale era legato dopo aver avuto problemi di salute mentale a causa del periodo Covid e in parte a causa del declino delle sue attività commerciali come imprenditore. L’uomo era a conoscenza del divieto, ma ritiene che la norma violi la tutela della sua vita familiare.

L’azienda proprietaria dell’immobile ha affermato che la multa in sospeso è già di 3000 euro e che il cane deve lasciare l’immobile entro 24 ore. Il tribunale ha dato ragione alla proprieta’: «Per quanto sia palpabile che il ricorrente sia ormai molto legato al cane quest’ultimo rientra nella sfera di rischio”. L’uomo, infatti, quando ha acquistato il cane, avrebbe dovuto verificare se il suo padrone di casa si fosse opposto all’acquisto”, ha scritto il giudice nel verdetto.

Tuttavia, il tribunale sub-distrettuale ritiene che l’inquilino non debba pagare la multa di 3000 euro: il contratto di locazione non limita la sanzione a 25 euro al giorno, il che significa che la società potrebbe pretendere “un importo non proporzionato al suo interesse a fornire un incentivo a conformarsi”. L’inquilino ha tempo fino al 15 dicembre per trovare un nuovo posto per il suo cane, altrimenti dovrà pagare 250 euro di penale al giorno.

 

SHARE

Altri articoli