Se spettasse all’Assessore Udo Kock, ad Amsterdam andrebbero costruiti “mezzi pubblici veloci e di alta qualità” da affiancare a GVB e a NS. Trasporti più cari, rispetto a quelli tradizionali, per chi è disposto a pagare di più.

L’assessore del D66 ha detto a Het Financieele Dagblad di voler valutare con investitori privati la possibilità del trasporto complementare “per ricchi”. I mezzi upper class, servirebbero -soprattutto- a collegare Hoofddorp, il centro città, Schiphol e Zuidas.

Secondo Kock, il governo contribuisce troppo poco per migliorare il trasporto pubblico. “Ecco perché stiamo sviluppando nuovi modelli che coinvolgano investitori come le banche e i fondi pensione. Non riesco a sottolineare sufficientemente l’urgenza di infrastrutture migliori. Senza un salto di qualità, non saremo in grado di sostenere la crescita economica “.

Ad SP l’idea non piace: parlando di “OV d’elitè”, voluta dal D66, ha richiesto un dibattito urgente in consiglio comunale. “Dichiarazioni bizzarre. Amsterdam Noord non ha quasi più autobus, ma qui per gli amici banchieri e dei consulenti dell’assessore dovremmo creare dei trasporti pubblici d’élite “, ha twittato il capogruppo SP Erik Flentge.