The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

UNDERGROUND

Amsterdam, la destra contro l’ADM: i loro festival sono illegali. Ma il tribunale dice il contrario

Destra e cristiani, se la prendono con lo spazio sociale. Ma con scarsi risultati

pic: ADM Amsterdam FB page
VVD e CDA contro lo spazio sociale ADM: niente Jetlag Festival, l’evento organizzato dall’ultimo squat di Amsterdam per le giornate del 18, 19 e 20 agosto. Perchè? Secondo i partiti di destra, sarebbe immorale che gli occupanti guadagnino da uno spazio occupato. In realtà, i gruppi al consiglio comunale di Amsterdam dei due partiti -promotori della legge che nel 2010 ha criminalizzato le occupazioni- si sono trasformati, da tempo, in “sindacalisti” del gruppo immobiliare proprietario del terreno.
La società Chida, che ha acquistato da tempo lo spazio per costruire una rimessa per le imbarcazioni sta tentando in ogni modo, di sbarazzarsi degli occupanti ma a dar ragione ai collettivi dell’ADM, fino ad ora, è sempre stato il tribunale.
Secondo il consigliere comunale Diederik Boomsma (CDA) e la consigliera Marianne Poot (VVD) il giudice dovrebbe intervenire per fermare il festival. Un film già visto: lo scorso anno, gli stessi consiglieri avevano sostenuto la richiesta al giudice della proprietà, di vietare il festival e multare di 100e al giorno gli occupanti. Risultato? Il festival ha avuto luogo e per buona pace dei due politici e della società Chida nessuno è stato multato.

Dal canto suo, l’ADM  di cancellare il festival non ci pensa proprio, soprattutto perchè si tratta di un evento autorizzato: il giudice aveva già dato il via libera in un’altra occasione e, dice un occupante al Parool, licenze erano state già chieste in passato. Questa volta non farà eccezione.

Il tribunale aveva già stabilito che le motivazioni per vietare la manifestazione non erano sufficientemente convincenti.