Amsterdam isola felice? Forse non più, dice un rapporto

Lunedì scorso il Centro per la ricerca statistica (Dienst Onderzoek Informatie en Statistiek) del Comune di Amsterdam ha presentato l’undicesima edizione di De Staat van de Stad (Lo stato della città): un documento che monitora le condizioni di chi vive nella capitale olandese.


A quanto registra il rilevamento statistico, le persone con un basso livello d’istruzione e i giovani dai 18 ai 24 anni hanno meno probabilità di considerarsi felici. La fiducia nel futuro è diminuita soprattutto tra chi ha uno scarso livello di salute, un basso status socio-economico e i giovani adulti. Questo è dovuto principalmente alle restrizioni anti-Covid nelle attività del tempo libero e nelle vacanze, dicono i ricercatori. È diminuita anche la partecipazione alla vita collettiva di chi è disoccupato.

Popolazione stagnante

La pubblicazione mostra anche che la crescita della popolazione nel 2020 è stagnante: la città ha guadagnato solo 117 abitanti. Fino a poco tempo fa, Amsterdam cresceva di 11.000 abitanti all’anno. La crescita è ferma soprattutto perché la migrazione dall’estero è diminuita a causa delle misure anti-Covid.

Meno nascite

Il numero di nascite in città sta diminuendo. Inoltre, le donne di Amsterdam stanno avendo figli sempre più tardi, una tendenza che è anche evidente nel resto dei Paesi Bassi, osservano i ricercatori.

Rispetto all’anno precedente, nel 2020 più ventenni si sono trasferiti dai Paesi Bassi ad Amsterdam. Tuttavia, questo non cambia il fatto che più persone hanno lasciato la città l’anno scorso rispetto al 2019. Per capire se e come continuerò la tendenza in atto rafforzata dalla pandemia e dall’aumento del lavoro da casa, si dovrà aspettare i prossimi anni. Nella nuova previsione della crescita della popolazione, il milionesimo residente è atteso per il 2036.

Economia contratta

L’economia di Amsterdam si è contratta del 7% nel 2020, più della media nazionale. Anche se è cresciuta di nuovo nel secondo trimestre del 2021, il tasso di crescita economico è rimasto indietro rispetto a quello del 2019. Amsterdam è stata particolarmente colpita dal calo della domanda nei settori dell’ospitalità, del commercio, della cultura e dei trasporti.

Meno scooter, più moto

Il numero di ciclomotori e scooter in città si è ridotto da quando sono banditi dalla pista ciclabile. Al contrario, è aumentato il numero delle motociclette.

Il possesso medio di auto è diminuito negli ultimi anni. Questo perché il numero di abitanti è aumentato molto più del numero delle automobili.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli