Il comune di Amsterdam è disposto ad allentare le rigide regole per i nuovi progetti abitativi in ​​cambio dell’impegno dei costruttori di realizzare 10.000 nuove case di fascia media nella capitale nei prossimi cinque anni.

L’assessore Laurens Ivens ha concordato che le case saranno date in affitto ad una somma tra 740e e 1.030e possono avere corsia preferenziale e il comune si impegna a ridurre il prezzo dei terreni edificabili, se necessario.

Inoltre, la regola rigorosa secondo cui il 40% delle nuove case dovrà essere di edilizia popolare, il 40% nel segmento medio e solo il 20% in vendita o in affitto nel mercato libero potrà essere stralciata per progetti più piccoli, ha concordato l’assessore. I costruttori non lavorano più nella capitale perchè le norme rigide non rendono remunerativi i progetti.

L’associazione dei costruttori e il comune hanno raggiunto questo accordo per sbloccare i cantieri della capitale e fare in modo di contribuire ad attutire l’emergenza abitativa ad Amsterdam