NL

NL

Amsterdam, il comune apre un’indagine su Bernhard, “principe degli immobili”

Il comune sta indagando sui contratti di affitto che il principe Bernhard e i suoi soci in affari hanno stipulato con un vasto gruppo di affittuari. Meldpunt Ongewenst Verhuurverdrag, uno sportello comunale che raccoglie denunce su questioni abitative.

A sostenerlo è il quotidiano Het Parool che da tempo sta seguendo le vicende relative alle centinaia di proprietà del principe, un vero e proprio immobiliarista. La municipalità ha confermato l’indagine ma non ha fornito dettagli. Tuttavia le proteste sarebbero relative a scarsa manutenzione degli edifici e violazione delle regole sull’affitto.

 

Dall’inizio di quest’anno, i proprietari di casa hanno bisogno di una licenza comunale per affittare l’immobile a più di due persone, anche se si tratta di una famiglia.

Il principe Bernhard ei suoi collaboratori hanno negato di aver violato consapevolmente le regole e hanno dichiarato di aver incaricato una società di gestione di affittare i locali secondo le regole.

Per ogni edificio per il quale non è stato richiesto il permesso, i proprietari rischiano una multa compresa tra 6.000 e 18.000 euro. Il principe Bernhard e i suoi soci  devono ancora richiedere i permessi mancanti o ridurre il numero di inquilini per edificio a un massimo di due.

Inoltre, dovrebbero essere offerti alloggi sostitutivi per i residenti in eccedenza.

 

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli