Gli sforzi del consiglio comunale di Amsterdam di ridurre il numero di fast food in città hanno raggiunto un nuovo livello venerdì quando Dunkin ‘Donuts ha annunciato l’intenzione di aprire una filiale nello stesso edificio già vietato a New York Pizza, scrive AD.

Anzi no, l’intenzione è già realtà: nei locali di Ferdinand Bolstraat, pubblicità della prossima apertura sono già visibili, nonostante la catena specializzata in ciambelle non abbia neppure la licenza per aprire.

A febbraio, i giudici avevano dato ragione al comune, che aveva bloccato l’apertura di un nuovo New York Pizza, stabilendo che si tratti di un fast-food e non di un ristorante come invece vorrebbe la delibera. Nella zona, infatti, vige il regolamento comunale che limita l’apertura di nuove attività rivolte ai turisti.

Amsterdam ha confermato di aver ricevuto una richiesta per una licenza licenza nello stesso locale da parte della catena di Dunkin ‘Donuts.

Nel frattempo, il fish-bar di Leidsestraat ha fatto sapere che intende andare in tribunale nel tentativo di far annullare l’ordinanza di chiusura decisa dal consiglio, perchè il locale è considerato troppo turistico.

Gli sforzi del consiglio comunale di Amsterdam di ridurre il numero di fast food in città hanno raggiunto un nuovo livello venerdì quando Dunkin ‘Donuts ha annunciato l’intenzione di aprire una filiale nello stesso edificio già vietato a New York Pizza, scrive AD.

Anzi no, l’intenzione è già realtà: nei locali di Ferdinand Bolstraat, pubblicità della prossima apertura sono già visibili, nonostante la catena specializzata in ciambelle non abbia neppure la licenza per aprire.

A febbraio, i giudici avevano dato ragione al comune, che aveva bloccato l’apertura di un nuovo New York Pizza, stabilendo che si tratti di un fast-food e non di un ristorante come invece vorrebbe la delibera. Nella zona, infatti, vige il regolamento comunale che limita l’apertura di nuove attività rivolte ai turisti.

Amsterdam ha confermato di aver ricevuto una richiesta per una licenza licenza nello stesso locale da parte della catena di Dunkin ‘Donuts

Nel frattempo, il fish-bar di Leidsestraat ha fatto sapere che intende andare in tribunale nel tentativo di far annullare l’ordinanza di chiusura decisa dal consiglio, perchè il locale è considerato troppo turistico.