L’ex star olandese della kickboxing Rodney G. (47) è stato condannato a dieci anni di carcere dal tribunale di Amsterdam per una serie di violenti stupri, dice AT5. I dettagli raccapriccianti emersi in aula, parlano di sevizie e brutalità a danno delle vittime. G. nega ogni addebito e parla di aver avuto molte relazioni negli ultimi anni, ma senza aver forzato nessuna delle donne con cui usciva, ha insistito.

Tuttavia, il quadro dipinto dal tribunale è fosco: le donne che approcciava erano principalmente persone “vulnerabili”. Una delle sue vittime, ad esempio, soffriva di disturbo borderline. La vittima era così psicologicamente devastata che “ha lasciato che accadesse”.

Le vittime hanno raccontato di una “trasformazione” da parte dell’uomo: quando le approcciava era sorridente e premuroso, quindi diventava aggressivo e violento.

G. è anche sospettato di aver perseguitato molte delle sue vittime che lo hanno denunciato per stalking.

Le foto mostrate in aula dal fascicolo della polizia mostrano come il corpo di una delle vittime sia pieno di lividi ed escoriazioni ma G. sostiene si sia trattato di “sesso estremo” consensuale.

Rodney G. è un nome noto a ZuidOost: campione di arti marziali, kickboxing e MMA, dopo il ritiro è passato al cinema, come attore e stuntman