NL

NL

Amsterdam, code per i musei addio: in arrivo un monitor che mostra i tempi di attese

Il progetto pilota che consiste nel mostrare i tempi di attesa per alcune attrazioni e musei di Amsterdam, è stato lanciato dal sito ufficiale di marketing e turismo durante il week end pasquale.

Si chiamerà “Rijenradar” e sarà disponibile solo in olandese. Permetterà di sapere in anticipo quanto tempo si dovrà attendere prima di poter entrare al Van Gogh Museum, alla Casa di Anne Frank, Rijksmuseum, Eye Filmmuseum, Heineken Experience e altri.

Lunedi 17 aprile, ad esempio, il monitor segnalava una fila di tre ore per il Van Gogh mentre alla casa di Anne Frank potevano accedere solo coloro che avessero precedentemente acquistato i biglietti; altri luoghi invece erano poco affollati.

Se il progetto risulterà efficiente nei prossimi tre mesi, altre strutture aderiranno. Lo scopo di questa nuova iniziativa è quello di distribuire nel miglior modo i turisti nella capitale e permettere loro di godersi le visite senza lunghe code.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli