The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Amsterdam, al vaglio forti restrizioni al turismo causa Covid

Amsterdam vuole tenere lontano il più possibile i turisti per impedire al virus di diffondersi in città. L’istituto regionale di sicurezza Veiligheidsregio Amsterdam-Amstelland deciderà in questi giorni le nuove misure, riferisce Volkskrant.

Amsterdam è la città con il maggior numero di nuove infezioni da coronavirus. Lunedì, l’istituto di sanità pubblica RIVM ha segnalato 574 nuove infezioni. 124 di loro sono accaduti ad Amsterdam.

Dopo l’ultima conferenza stampa del governo la scorsa settimana, martedì, è stato introdotto il divieto di turisti ad Amsterdam come misura definitiva. Un errore, ha detto più tardi la stessa sera la sindaca di Amsterdam Femke Halsema. Ma poiché il numero di infezioni da Covid-19 continua ad aumentare, le misure ora dovranno essere prese in considerazione, secondo il quotidiano.

La politica del turismo è un argomento politicamente delicato, in parte perché la coalizione di Amsterdam ha già promesso di porre fine al turismo in continua espansione in città, già da prima che scoppiasse il coronavirus. La riduzione del turismo causerà anche gravi danni economici. L’anno scorso Amsterdam ha accolto 20 milioni di turisti, che insieme hanno pagato 178 milioni di euro di tassa di soggiorno, quasi lo stesso importo che il comune riceve in tasse. Il turismo rappresenta anche 70mila posti di lavoro, quasi il 20% degli impieghi della città.

Secondo Marianne Poot del partito di opposizione VVD, la coalizione sfrutta la crisi del coronavirus per ridurre il turismo. Ma fonti della coalizione lo hanno negato al giornale. “Sappiamo anche che vietare i turisti costa denaro. Ora dobbiamo affrontare la diffusione del virus. Tutti possono vedere che la situazione sta sfuggendo di mano nelle zone turistiche. Il divieto dei turisti non porta ad un danno di vasta portata come quello di un secondo lockdown, in quel caso le conseguenze sono incalcolabili”, ha riportato il Volkskrant.