The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Ambasciatore olandese in Nigeria sotto accusa: aveva rivelato informazioni riservate alla Shell

All’inizio del 2019, l’ambasciatore olandese in Nigeria, Robert Petri, è stato sostituito in seguito ad un’indagine sull’integrità dell’ambasciatore e su una successiva indagine presso l’ambasciata olandese di Abuja. Secondo quanto riferito da NRC, nel 2017 l’ambasciatore Petri, aveva rivelato alla Shell alcune informazioni riservate riguardanti un’indagine di corruzione nei confronti della stessa compagnia petrolifera.

L’indagine sull’integrità dell’ambasciatore era partita dopo che questi e sua sua moglie si sono imbarcati su un aereo privato di proprietà di una compagnia di gas nigeriana, di cui Shell è azionista. Questa indagine ha anche rivelato la visita di Petri e sua moglie nella casa del direttore locale della Shell, con cui ha condiviso informazioni riservate su un’imminente visita del FIOD, il dipartimento investigativo dell’autorità fiscale olandese. Il FIOD si era recato in Nigeria per indagare sul coinvolgimento di Shell e ENI nel pagamento di tangenti di circa 1 miliardo di dollari a funzionari e politici locali per ottenere i diritti sul giacimento petrolifero nigeriano OPL-245.

Nei mesi successivi, il Ministero degli Affari Esteri aveva ricevuto numerose segnalazioni di problemi presso l’ambasciata olandese di Abuja. Nel maggio 2018, l’attivista nigeriano Godwin Ojo di Friends of the Earth Nigeria aveva riferito al Ministero che Petri stava proteggendo la Shell. Il sacerdote locale Edward Obi aveva anche inviato una lettera al ministero chiedendo “se l’ambasciatore Petri fosse con il governo olandese o con Shell?”. Il Ministero degli Affari Esteri ha confermato a NRC che un’indagine era stata avviata dopo aver ricevuto un rapporto sull’allora ambasciatore. Shell aveva confermato al giornale di aver ricevuto informazioni riservate dall’ambasciatore in merito alla visita del FIOD. Ma il portavoce ha detto alla multinazionale angloamericana che non aveva utilizzato le informazioni ricevute. “Le informazioni sono state registrate ma non sono state intraprese ulteriori azioni”. NRC ha concluso che Robert Petri non avrebbe risposto alle domande.