The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Altstadt, storico pub di Eindhoven, è in bancarotta

Lo storico pub Altstadt, ad Eindhoven, è in bancarotta. Lo ha stabilito un giudice martedì mattina, ha detto il proprietario a Studio040, dichiarando che, la crisi del coronavirus è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

Tuttavia, c’è l’ambizione di riavviare. Ma se ciò accadrà anche nelle mani del curatore. Il curatore verrà annunciato in seguito.

Altstadt è diviso in due parti. Una parte è il caffè, che ora è in bancarotta. Ma la sezione degli eventi sta andando bene. Ecco perché c’è speranza di poter riavviare il caffè con un altro proprietario.

Luitzen Boonsta, il proprietario del pub, è sconvolto dalla situazione. “La situazione è sicuramente triste. Se avessimo ottenuto degli aiuti adeguati, avremmo potuto sopravvivere alla crisi della corona. Ma non lo abbiamo fatto. E i costi superano i benefici.”

Il rock cafe è a Stratumseind ​​in centro dal 1978. Alla fine del 2018, il pub ha celebrato il suo 40° anniversario. Per salvare il famoso pub è partita una campagna di raccolta fondi.

“Questo non è solo un pub. Alstadt è un monumento della città. Se dovesse fallire, non ci sarà più nulla da fare per i Rockers, Metalheads, Hippies e gli amanti della vita di Eindhoven.” Questa la dicitura nel sito di raccolta fondi GoFundMe.

Al momento della stesura del documento, erano già stati raccolti quasi € 1.600, ma la somma cresce in continuazione. “L’iniziativa è di un ragazzo normale” ha detto Luitzen a Studio040.

“Penso che sia una bella iniziativa. È davvero commovente che le persone siano così impegnate. Ma non dipende da me; dipende dal curatore. Fortunatamente, il curatore prenderà in seria considerazione un possibile riavvio. ”

In ogni caso, il ragazzo che ha iniziato la raccolta fondi desidera che la campagna di raccolta assicuri che le porte di Altstadt possano rimanere aperte almeno un’altra volta. Anche se solo per poco tempo. Almeno le persone potranno dare un addio adeguato.”


TAGS