Source: YT screenshot

Le inondazioni innescate dalle precipitazioni senza precedenti delle ultime ore hanno lasciato case e strade sott’acqua in quattro province belghe. Lussemburgo, Liegi, Namur e Limburgo sono in una situazione critica: data l’entità del disastro e la minaccia incombente le autorità federali belghe hanno deciso di coordinare i soccorsi.

Secondo VRT, sarebbero sei le persone decedute a causa della calamità. A Pepinster (provincia di Liegi) è stato trovato un cadavere sotto un ponte. Molti i dispersi.

Durante un’operazione di salvataggio si è ribaltata una nave dei vigili del fuoco. 5 vigili del fuoco sono in salvo ma mancano tre persone evacuate. I residenti vengono evacuati in barca o vengono portati in salvo dai loro tetti utilizzando bulldozer.

Nel Brabante Vallone il parco divertimenti Walibi ha dovuto chiudere. Anche all’Aqualibi non sono più ammessi visitatori. Mentre nel Brabante Fiammingo i concerti al Werchter Parklife sono stati cancellati. L’organizzazione afferma che ha continuato a piovere tutto il giorno e che il sito non è in grado di assorbire tutta l’acqua piovana scesa.

A Voeren, nella provincia del Limburgo, residenti evacuati possono invece tornare a casa.

Nel frattempo il servizio di protezione civile belga sta schierando tutti gli uomini e le attrezzature possibili, sia volontari che personale: vengono distribuiti sacchi di sabbia e vengono fatti tutti gli sforzi per drenare le acque.

Problemi anche con le reti mobile: Telenet e Proximus stanno affrontando problemi. L’azienda descrive la situazione come critica a Liegi, Verviers, Eupen e Rochefort.

“L’UE ha attivato il suo meccanismo di sostegno che consente ad altri Paesi di fornire aiuti. Anche i servizi di emergenza di Anversa e delle Fiandre orientali e occidentali hanno offerto aiuti volontari. Abbiamo schierato quanti più elicotteri, barche e droni potevamo”, ha detto la ministra federale dell’interno Verlinden

 

La stessa presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen , ha espresso la sua solidarietà alle vittime della calamità.