Pic Source: Pixabay

Allevatori e inquinamento in Olanda, dalla protesta dei boeren in poi, è un argomento in cima all’agenda politica olandese. Ora, ol Ministero intende stanziare 500 milioni di euro per liquidare gli allevatori e renderne più sostenibili le loro attività, ha riportato Nu.nl martedì. La somma si aggiunge ai 180 milioni di euro disposti per aiutare gli allevatori di suini a riconvertire le loro attività. Circa 350 milioni saranno destinati alla liquidazione di allevamenti nelle zone ad alta sensibilità ambientale. L’obiettivo è ridurre l’inquinamento da letame.

Lo scorso anno, il governo ha sottoposto a Johan Remkes il problema dell’inquinamento da azoto. Remkes ha suggerito ‘misure drastiche’. Infatti, è necessario ridurre i limiti di velocità e il numero degli allevamenti. In particolare, quelli suinicoli e avicoli costituiscono il 46% dell’inquinamento da azoto nelle aree rurali.

Si tratta di una vera e propria rivoluzione per un paese dove agricoltura e allevamento sono molto importanti: i governi provinciali devono individuare queste fattorie e farle chiudere, mentre le aziende agricole devono adottare al più presto tecnologie innovative.

L’emergenza climatica ha avuto un impatto pesante sulle attività agricole olandesi e in molti temono per conseguenze sul lungo periodo: una maggioranza degli agricoltori dubita che la loro attività possa continuare e quattro su 10 affermano di essere pronti a chiudere, se il governo offrisse loro una buonuscita, aveva dichiarato l’emittente NOS qualche tempo fa.

I dati provengono da un sondaggio di 6.000 lettori della rivista agricola Nieuwe Oogst, che esamina l’impatto della sentenza di dicembre del tribunale sulle emissioni di azoto nel settore agricolo.

Allevatori e inquinamento, sono ormai legati indissolubilmente nel dibattito pubblico: migliaia di costruzioni e altri progetti sono attualmente in stand-by dopo che un pronunciamento della Corte suprema ha affermato che gli attuali metodi per gestire le emissioni di azoto come ammoniaca e protossido di azoto non vanno abbastanza lontano.