Le grandi banche olandesi hanno investito miliardi nell’industria delle carni negli ultimi anni. Gran parte di questi investimenti hanno finanziato compagnie in cui il benessere degli animali non viene contemplato, stando all’ultimo report di Eerlijke Bankwijzer. Si parla di compagnie che vendono pollame in serie, rinchiudono i maiali in gabbie o macellano gli animali in modi controversi, riporta RTL Nieuws.

La Eerlijke Bankwijzer o Fair Bank Guide, monitora che le banche olandesi facciano investimenti responsabili e conscious. Amnesty International, FNV, Mileudefensie e Oxfam Novib, tra gli altri, vi partecipano.

Tra il 2012 e il 2017 le tre maggiori banche olandesi hanno investito almeno 8.8 miliardi di euro in società in cui gli standard delle condizioni di vita degli animali erano decisamente inferiori alla media, stando al rapporto. Rabobank in particolare è un grande finanziatore di società simili, investendo un totale di 6.8 miliardi di euro.

Lo scorso anno Rabobank ha sborsato un miliardo di euro nel gigante americano della carne Tyson Foods. La compagnia americana è stata di recente screditata da un video realizzato da un gruppo di ambientalisti. Il video ritraeva il pollame trattato in modo orribile e in condizioni pessime in una fattoria affiliata alla compagnia. Tyson Foods ha riportato poi di aver rotto i rapporti con questa fattoria.

In risposta al report di Eerlijke Bankwijzer, Rabobank ha sostenuto che il benessere degli animali è nei loro interessi. “Non possiamo pronunciarci sui singoli clienti” dice un portavoce a RTL Nieuws. “Ma la nostra politica in caso di abusi è intervenire rimarcando la necessità di benessere per gli animali convincendo i clienti a cambiare direzione o abitudini”.