Lasciate le elezioni alle spalle, i ministri più coinvolti tornano a parlare delle misure Covid a Catshuis, la residenza del premier. Sotto la guida di Mark Rutte, si consultano con gli esperti più vicini per vedere se sono possibili aggiustamenti alle misure Covid.

Ci sarà anche il ministro De Jonge, dice NOS, che ha trascorso alcuni giorni in quarantena perché potrebbe essere stato in contatto con qualcuno positivo anche se, il ministro della salute uscente, fa sapere di essere risultato negativo al test.

Gli addetti ai lavori si aspettano che vengano concordati pochi allentamenti concreti, dice NOS. Ora che il numero dei contagi è nuovamente in aumento, l’OMT è pessimista su ciò che è possibile fare.

Nonostante il governo avesse annunciato una possibile riapertura delle terrazze dopo il 31 marzo, non sembra che tale opzione possa essere -effettivamente- praticabile, dice NOS.

Il coprifuoco, con insistenza del D66, è un altro tema caldo di discussione: i lib-dem lo vorrebbero rimosso ma non c’è accordo sul punto. Una delle opzioni sul tavolo, potrebbe essere ritardare l’orario di introduzione del coprifuoco.

Martedì è attesa una conferenza stampa.