Secondo una stima dell’organizzazione Vvv, un’associazione che riunisce le compagnie d’assicurazione nei Paesi Bassi, la tempesta che si è abbattuta giovedì avrebbe causato oltre 90 milioni di euro in danni ad automobili e abitazioni.

Si tratterebbe della terza perturbazione più violenta che abbia mai colpito l’Olanda in questo secolo. Ogni anno, dice ancora il rapporto dell’associazione, si abbattono 4 o 5 tempeste sul paese causando danni per 50 milioni di euro.

Questa stima non include danneggiamenti agli edifici governativi e agli uffici delle società, pertanto il conto potrebbe essere molto più salato.

Secondo il VvV, la seconda grande tempesta nel giro di poche settimane – la prima era del 3 gennaio e aveva causato circa 10 milioni di euro in danni – ha contribuito a raggiungere la cifra record. Alberi e infrastrutture già danneggiati e il clima umido degli ultimi tempi avrebbero contribuito al salasso economico.

Tuttavia l’allerta da parte di KNMI, il servizio meteo, e del governo hanno certamente dato una mano a limitare i danni, sostiene VvV.

Le immagini di tetti strappati dagli edifici, i container del porto di Rotterdam rovesciati dalle raffiche di vento e i cavi dei tram trascinati hanno fatto il giro della rete.