CoverPic | Pixabay

I commercialisti hanno segnalato all’ufficio delle tasse diversi tentativi di frodi commesse come misure di sostegno al coronavirus. Ma questi rapporti sarebbero solo la punta dell’iceberg, avvertono. I pacchetti di sostegno finanziario sono così allettanti che è quasi impossibile che le aziende non ne approfittino, hanno detto a NOS.

Sono stati segnalati casi di frode con il regime TOZO per i lavoratori autonomi e l’indennità TOGS per i costi fissi. Ma il vero problema, temono i contabili, è il regolamento NOW, che risarcisce fino al 90% dei costi salariali delle imprese in caso di perdita di fatturato. Questa è di gran lunga la misura che coinvolge grandi somme di denaro. Un totale di 8,7 miliardi di euro di sussidi è stato richiesto dal regolamento NOW, di cui 4,5 miliardi di euro erogati finora.

L’ufficio del lavoro UWV ha dichiarato di aver ricevuto segnalazioni di attività sospette per circa 21 delle 144 mila richieste NOW. “Queste 21 denunce sono la punta dell’iceberg”, ha detto all’emittente Antoinette Dijkhuizen, fondatrice della società di contabilità 4you e membro del consiglio di amministrazione dell’associazione di contabilità NBA. “Gli imprenditori spingono sempre oltre i limiti, sia che si tratti di tasse o di cavilli nel regolamento”.

Pieter Vos della società Kop di Munt ha dichiarato di aver ricevuto chiamate da società che chiedevano se potessero  inviare fatture in un secondo momento così da poter beneficiare del sussidio. “Un imprenditore sarebbe quasi pazzo a non chiederlo, a non andare ai margini del piano”

Rob Bergmans della pratica contabile Deloitte ha definito la frode un “rischio intrinseco” per tale misura di emergenza. “Se le aziende ci chiedono se ciò è possibile, ovviamente diciamo che non è permesso. Ma non posso escludere che provino comunque.”

Agness Koops-Aukes della società di contabilità PwC non ha voluto dire se qualcuno dei suoi clienti stesse usufruendo di queste misure di sostegno in modo non trasparente. “Tuttavia, la struttura del regime rende molto difficile per noi contabili rimuovere tutti gli errori e i rischi di frode”.

Il governo ha progettato il regolamento NOW in modo che sia facile da applicare, con l’obiettivo di aiutare le aziende in difficoltà il più rapidamente possibile. Un controllo adeguato delle aziende coinvolte che erano realmente ammissibili verrà fatto solo successivamente – probabilmente ad ottobre, quando terminerà il secondo round di supporto, ha dichiarato UWV a NOS.

Quando il regolamento NOW è stato annunciato a marzo, il ministro Wouter Koolmees ha invitato gli imprenditori a non abusare del sistema.