The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Alimentazione sana nella scuole: si teme per una fuga nei fast food

A settembre entreranno in vigore nuovi criteri per le mense scolastiche, ma stando al Financieele Dagblad, le aziende di catering temono che le regole dell’alimentazione sana spingano gli alunni a frequentare i vicini snack bar.

L’agenzia governativa di consulenza alimentare Voedingscentrum e Jogg, una fondazione che incoraggia l’alimentazione sana tra i giovani, ha elaborato nuove linee guida per le mense scolastiche che guardano a ciò che gli adolescenti mettono sul pane, oltre che alla quantità di fibre nel pane stesso.

Saranno ancora ammessi formaggi e salumi, ma i giovani saranno incoraggiati a mangiarli con spalmabili a basso contenuto di grassi, lattuga, cetriolo e pomodoro. Gli snack non dovrebbero avere più di 75 calorie e le bevande zuccherate non sono gradite.

Molte aziende di catering si rifiutano di adottare la nuova normativa, ha detto la FD; “Sosteniamo le scuole sane ma non incondizionatamente”, ha detto al giornale Ruud Balje, dell’associazione dei ristoranti a contratto VOOC .Prevede che le scuole si svuoteranno all’ora di pranzo quando gli alunni si recheranno al supermercato o allo snack bar per comprare patatine.

Secondo una ricerca della società di cartografia Locatus, oltre il 25% delle scuole secondarie si trovano a poca distanza a piedi da almeno tre fast food. I Paesi Bassi hanno circa 2.100 scuole secondarie, di cui 1.900 hanno una mensa. Metà delle mense sono gestite dalle scuole stesse, mentre le restanti si avvalgono di una società di catering.

 


TAGS