The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

DANCE

Al teatro Stadsschouwburg ‘Kirina’, un racconto epico ricco di energia e speranza

Il 17 febbraio al teatro Stadsschouwburg a Utrecht si terrà uno spettacolo di danza intitolato Kirina. Ideato da Serge Aimé Coulibay,la rappresentazione trasmette una grande energia allo spettatore. Canti, danze e musiche sono, infatti, le componenti di questo spettacolo che si fonda su una forte energia liberatrice. Come riporta il New York Times il lavoro è “una straordinaria esibizione che combina danza rituale ed estatica con musica propulsiva e una storia incantevole”.

Lo spettacolo si basa sulla battaglia di Kirina, il conflitto più importante per l’Africa occidentale, paragonabile a quello di Waterloo per l’Europa. La battaglia è stata combattuta in quello che oggi è il Mali nel 1235. Dopo la caduta dell’Impero del Ghana, gli stati vicini cercarono di riempirne il vuoto di potere. L’impero Sosso riuscì ad occupare l’ex capitale, probabilmente Koumbi Saleh, oggi sito archeologico in Mauritania. Il popolo Mandinka, guidato dal principe Sundiata Keita, insieme ad altri stati più piccoli, si opposero ai Sosso. La vittoria di Keita ha dato origine al prosperoso Impero del Mali, che controllerà la maggior parte dell’Africa Occidentale per secoli. Questa vicenda è stata tramandata oralmente attraverso l’Epopea di Sundiata.

Ispirandosi a questa epica battaglia e alle tragedie greche, Serge Aimé Coulibay ha allestito un’esibizione dove le persone cercano di ribellarsi per avere un futuro migliore. Lo spettacolo, che si serve di gigantesche scenografie, possiede tutti gli elementi dell’epica: battaglie, celebrazioni, sacrifici, delusioni, ma anche coraggio e orgoglio. I testi sono del senegalese Felwine Sarr e le musiche del cantante maliano Rokia Traoré. L’opera si ricollega alla contemporaneità perché tratta di rifugiati e persone che lottano per un futuro migliore. Ma soprattutto è ricco di speranza, fondandosi sulla resilienza delle persone.