The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

ABITARE Accordo tra proprietari e sindacato per limitare l’aumento record degli affitti



Aedes, associazione nazionale che raccoglie circa il 90% delle compagnie immobiliari legate all’housing sociale e che controlla un totale di 2,4 milioni di case, ha trovato un accordo con l’organizzazione Woonbond, sindacato degli inquilini, per limitare l’aumento generalizzato degli affitti calmierati.

Durante una conferenza stampa a Den Haag, le due associazioni hanno fatto sapere come, per il biennio 2016-2018 e con la possibilità che l’accordo venga esteso a tutto il 2020, gli affitti delle case sociali non potranno aumentare di più dell’1% rispetto alla soglia d’inflazione. Inoltre, gli aumenti non saranno più basati sul reddito dell’affittuario, ma sul valore dell’immobile.

Secondo Nrc, la questione passerà ora in parlamento dove Aedes e Woonbond sperano diventi oggetto di una specifica legge che coinvolga anche il mercato privato. Del resto, l’organizzazione per la tutela degli inquilini aveva già fatto sapere come l’affitto calmierato fosse salito a un valore medio di 605 euro, giusto un centinaio al di sotto di quello nell’immobiliare privato.

Ma non finisce qui: sempre Woonbond ha ricordato che negli ultimi due anni gli affitti sono cresciuti del 10%, molto di più rispetto al salario medio, mentre il deputato laburista Jacques Monasch, interrogato dal Financieele Dagblad, ha confermato come in pochi anni il valore complessivo degli affitti sia salito da circa 4 a 17 miliardi di euro.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!