Il GroenLinks alza le barricate contro il “piano Lelystad”: i rosso-verdi della capitale, dice NOS, hanno annunciato per bocca del leader Jesse Klaver e del capogruppo in consiglio comunale Rutger Groot Wassink  che il partito farà pressione con il comune di Amsterdam, azionista al 20% dell’aeroporto di Schiphol, proprietario di Lelystad affinchè blocchi i piani di espansione verso il piccolo scalo del Flevoland.

L’intenzione è che l’aeroporto di Lelystad accolga parte dei voli dello scalo intercontinentale di Amsterdam per alleviare la pressione su quest’ultimo. Ma il timore dei residenti è che l’aumento dei voli a Lelystad possa causare un’impennata nell’inquinamento acustico, in quello atmosferico e soprattutto causare disagi alla popolazione locale.

Martedì sera, dice ancora il portale NOS, il partito terrà a Zwolle un  “MeetUp” contro i piani di espansione di Lelystad. Secondo i due leader Groenlinks la loro non è una battaglia senza speranza: già nel 2006 il partito, allora nella giunta comunale della capitale, riuscì a far bloccare il progetto di privatizzazione di Schiphol grazie allo status di azionista del comune di Amsterdam.

 

.