Un senzatetto, che aveva avviato un commercio illegale di biglietti di treni e autobus all’aeroporto di Bruxelles, è stato condannato a 12 mesi di reclusione martedì.

L’uomo è stato colto in flagrante il 24 febbraio quando i dipendenti della SNCB hanno notato una signora consegnare una banconota da 10 euro nella stazione ferroviaria dell’aeroporto di Bruxelles. Alla signora è stata restituita parte dei soldi e poi scannerizzato un biglietto ai cancelli all’uscita della stazione, permettendole cosi di lasciare la stazione dei treni. 

L’uomo è stato di conseguenza arrestato e gli agenti hanno trovato una decina di biglietti Diabolo in tasca. Si trattavano dei biglietti per il supplemento obbligatorio di € 5,50 per chi viaggia da o per l’aeroporto di Bruxelles. 

L’uomo aveva inoltre 12 Go Pass (biglietti per persone sotto i 26 anni per 10 viaggi singoli tra due stazioni belghe) e 341 biglietti per l’autobus da De Lijn e STIB. Tutti i biglietti insieme arrivavano ad un valore di oltre 1,200 euro. 

Il senzatetto aveva con sè anche 435 euro, oltre a pochi franchi svizzeri e sterline inglesi.

Poiché non è ancora chiaro se l’uomo avesse rubato i biglietti dell’autobus e del treno, non è stato ancora processato per furto. Tuttavia, è stato processato per frode informatica e lavoro surrettizio, per il quale è stato condannato a 12 mesi di reclusione dal tribunale. 

Lo stesso senzatetto non era presentato al processo ed è stato condannato in contumacia.

Già in precedenza l’aeroporto di Bruxelles è stato oggetto di discussioni per le sue tarrife

Con una tariffa media di 45 euro, le corse dei taxi per o dall’aeroporto di Bruxelles risultano essere tra i più costosi, posizionandosi tra i primi della lista di taxi più costosi, dopo gli aeroporti di Zurigo e Ginevra.