NL

NL

A’dam, squatters occupano edificio in Marnixstraat. Proprietario sporge denuncia

L’occupazione è stata annunciata sabato durante la grande manifestazione di Amsterdam Danst Ergens Voor, che ha anche attirato l’attenzione sulla mancanza di alloggi a prezzi accessibili. Gli squatter hanno ribattezzato l’edificio Hotel Mokum.

L’ex hotel, ufficialmente è stato occupato mercoledì, ha detto la portavoce Lana Lente: “Un edificio occupato può essere sfrattato immediatamente se la polizia coglie sul fatto gli occupanti o se lo scopre entro 24 ore; altrimenti diventa materia civile”. Gli attivisti non hanno ancora avuto notizie dal comune o dalla polizia.

Il proprietario è LRL Vastgoed dell’Amsterdammer Cheu Jung Shu e di suo fratello che dice di essere molto sorpreso dall’occupazione dell’edificio. “Gestiamo un hotel qui dal 2008. Abbiamo chiuso i battenti dal 2019 a causa di una ristrutturazione. Ma ora ci vuole molto tempo, in parte a causa del corona”.

Ma secondo gli occupanti è da tempo che non vengono effettuati lavori. Secondo il proprietario, i lavori erano in corso. “Ma abbiamo rimandato l’installazione di nuove travi in ​​acciaio: a causa del prezzo dell’acciaio, è meglio aspettare un po'”.

L’Hotel Mokum trova la politica anti-squat in città “assurda”. Lente: “Vivere è un diritto, non un privilegio. Ma i boss immobiliari possono arricchirsi mentre dormono, mentre noi e molti altri non possiamo avere una casa nella nostra stessa città. Con questa azione, chiediamo la fine di queste pratiche”.

Il proprietario Cheu Jung Shu è deluso dallo squat, ma tuttavia afferma di essere in sintonia con le motivazioni degli attivisti. “Se la sono presi con le persone sbagliate. Siamo ragazzi di Amsterdam, non investitori stranieri. Anche noi stiamo soffrendo per la crisi abitativa, perché il nostro personale difficilmente riesce a trovare un alloggio. Usano il nostro edificio come un segno per ciò che è sbagliato, ma questo posto è stato un hotel per quarant’anni, non è mai stato uno spazio vitale”.

Il collettivo ha chiesto alla sindaca Halsema di parlare con loro. Finora non hanno avuto risposta. “Siamo molto dispiaciuti per questo”, dice Lente. “È tempo di soluzioni drastiche e stiamo combattendo proprio per questo. Allo stesso tempo, spetta al sindaco rendere possibile il diritto all’abitare per tutti, invece di lucidare ulteriormente il tabellone del monopoli di Amsterdam per gli speculatori”.

SHARE

Altri articoli