Pic: Pixabay

La provincia del Noord Holland ha agito correttamente concedendo al colosso energetico Vattenfall un permesso per la costruzione di una centrale a biomasse a Diemen, scrive AT5. La decisione è arrivata ieri dal tribunale di Haarlem che ha respinto il ricorso delle associazioni ambientaliste che si erano opposte alla concessione dei permessi.

La centrale a biomasse sostituirebbe la centrale a gas di Diemen.  Secondo il giudice, non è stato dimostrato che la nuova centrale provochi più inquinamento di quanto legalmente consentito. Alcuni gruppi ambientalisti hanno cercato invano di dimostrare che le emissioni della BMC sono molto più inquinanti di quelle della centrale elettrica a gas naturale che si trova ora a Diemen, dice il portale di A’dam.

L’impianto a biomasse è controverso, tra l’altro, perché brucerebbe legna proveniente da foreste e i trucioli di legno vengono trasportati nei Paesi Bassi via nave. Inizialmente, la combustione della biomassa era vista come un buon modo per ridurre le emissioni di CO2, ma crescono i dubbi su questo metodo, soprattutto in politica. Tuttavia è accettata come soluzione temporanea in attesa che le rinnovabili si consolidino.

Gli ambientalisti non cedono e annunciano ricorso. Per inciso, la società ha annunciato di non aver ancora iniziato la costruzione dell’impianto. Se ciò accadrà non sarà deciso fino alla primavera del 2022.