“In un breve periodo di tempo, uno dei nostri negozi ad Amsterdam è stato derubato più volte”, ha affermato un portavoce di KPN. “L’impatto sui dipendenti è enorme: per proteggere ulteriormente i nostri colleghi e le scorte dei negozi della regione vengono ritirate con effetto immediato”.

Giovedì scorso, la filiale KPN di Bijlmerplein di Amsterdam è stata rapinata per la seconda volta in una settimana dopo che un evento simile si era già verificato al negozio di telefonia T-Mobile di Bijlmerplein, dice NOS.

E mercoledì pomeriggio, per la quarta volta in più di due settimane, un negozio di telefonia è stato l’obiettivo di una rapina.

Anche VodafoneZiggo sta rimuovendo gli smartphone dai suoi negozi nella regione di Amsterdam: “Questa misura si applica alle filiali a maggior rischio di rapina”, ha detto una portavoce.

All’inizio della giornata, una filiale di VodafoneZiggo su Bijlmerplein è stata nuovamente l’obiettivo di una rapina a mano armata. Lunedì scorso, anche un negozio T-Mobile in Kinkerstraat è stato derubato.

KPN, intanto, chiuderà la filiale di Zuid Oost a tempo indeterminato. Inoltre, lo stock è stato ora rimosso dalla maggior parte dei nove negozi KPN ad Amsterdam e dintorni. Con questo, l’azienda vuole ridurre l’attrazione dei taccheggiatori sui telefoni cellulari.

Per ovvie ragioni, KPN non vuole dire quali filiali sono coinvolte e se ci sono casi in cui le telefonate sono ancora nei magazzini. “Questa considerazione potrebbe anche avere a che fare con la posizione specifica di un caso”.