Un insegnante di francese non lavora più per l’Università di Amsterdam perché accusato di molestie. Lo conferma un portavoce dell’università a seguito di un articolo di NRC. “E’ vero che il docente non lavora più per l’università“, dicono dall’ateneo. Ma per ragioni di privacy, non possono aggiungere altro.

Il docente era già stato sospeso nel novembre 2020 dopo che l’università aveva ricevuto “segnali confidenziali” su comportamenti non appropriati. Secondo NRC, una denuncia di una studentessa nel 2017 ha portato all’apertura di una procedura di reclamo ufficiale presso l’UvA.

La denuncia è stata parzialmente accolta all’inizio del 2018 e il decano Fred Weerman è stato incaricato dalla commissione di condurre un’ulteriore indagine, ma ciò non sarebbe poi avvenuto, secondo il giornale. Il docente è rimasto poi al suo posto. 

Gli studenti hanno sollevato un polverone con il preside Weerman e ne hanno chiesto le dimissioni all’inizio di quest’anno. Secondo NRC, non si ricandiderà e dal I° settembre, il rettore dovrebbe lasciare il posto.