CoverPic@Thea van den Heuvel/supplied by MX3D

Dopo le case, ora tocca ai ponti. E sì che i Paesi Bassi ne hanno di materiale per sperimentare.

Dopo un lungo periodo di test, il ponte stampato in 3D che collega le banchine di Oudezijds Achterburgwal nel quartiere a luci rosse di Amsterdam è stato aperto dalla regina Maxima, come riporta Het Parool.

Il Comune di Amsterdam riferisce che il ponte, il cui progetto stato presentato per la prima volta alla Dutch Design Week di Eindhoven nel 2018, sarà in funzione per due anni mentre la passerella originale verrà riparata. L’installazione è stata ritardata perché il muro della banchina non poteva sopportare il peso del ponte

La passerella è stata progettata da Joris Laarman, e realizzata in città sul molo NDSM, dalla startup MX3D.

Il ponte è costruito interamente in acciaio inossidabile e pesa più di 6.000 kg. Il futuristico ponte pedonale è dotato di sensori che registreranno tutti i tipi di misurazioni. Questo permetterà al ponte stesso di indicare quando è necessaria una riparazione.

Non solo: le rivelazioni potranno dare un’idea di quanto il ponte sia affollato, per esempio, e quale sia l’atmosfera tra le folle di turisti, che può essere rilevante per il ‘controllo della folla’, ma anche quanto velocemente il ponte si stia consumando. Ovviamente sarà anche possibile misurare quanti pedoni attraversano il passaggio ogni giorno.