Author pic: Klaas `Z4us` van B. V Source: Wikipedia License: Attribution-Share Alike 4.0 International

Oltre metà delle aree pedonali di Amsterdam non ha servizi igienici che rispettano lo standard di accessibilità per disabili e per le donne, secondo uno studio della Rekenkamer Metropool Amsterdam. Sarebbero, in totale appena 56 su 112 bagni pubblici quelli che “non discriminano”.

Secondo il tribunale i krul, gli urinatoi, andrebbero sostituiti per consentire a tutti di essere utilizzati. Su 56, 34 sono gratuiti e gli altri costano tra 0,20cents e 1euro.

Pochi, discriminatori e difficili da trovare: secondo un documento citato dal Tribunale contabile della città, è dal 1998 che in comune veniva sollevata questa problematica.

Secondo la Corte dei conti, la causa principale della mancanza di servizi igienici pubblici sono i costi. Amsterdam dovrà costruire da 25 a 30 bagni pubblici aggiuntivi per soddisfare gli standard del consiglio comunale. Ciò costerà circa 4 milioni di euro e altri 300 mila euro all’anno per i costi di gestione.