The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Ad Amsterdam, quasi tutti a casa. Richiedenti asilo e senzatetto? In strada

Le strade di Amsterdam sono deserte ma c’è chi non può andare a casa: senzatetto e richiedenti asilo. Wereldhuis, un centro diurno che offre un pasto e ospita migranti senza documenti, è chiuso da giovedi a causa del coronavirus. Per molti richiedenti asilo, questo edificio, gestito dalla chiesa protestante, è l’unica possibilità per avere un pasto caldo, scrive il Volkskrant.

La situazione non è sicura, tanto per gli utenti quanto per i volontari: mancano mascherine e guanti e le persone devono stare molto a contatto, a causa del numero elevato dei migranti che si rivolgono allo spazio.

Il comune di Amsterdam, scrive il quotidiano della capitale, ha deciso giovedì di distribuire i senzatetto in altri spazi della città. I cittadini comunitari homeless vengono rimpatriati ma per i richiedenti asilo la situazione è molto seria: non hanno tutti dove stare, non c’è posto dove possano usare i servizi e poi, dato che nessuno accetta contante, per molti -che non hanno moneta digitale- è un vero problema.

Mentre il consiglio comunale discute di quale misura adottare per i senzatetto, la macchina informale della solidarietà si è messa in moto: i volontari della Werldhuis non hanno abbandonato gli utenti del centro ma si tengono in contatto con loro via Whatsapp.